Oggi come oggi ci stanno in giro diversi sistemi operativi che vale la pena provare, da Windows Vista a varie distribuzioni Linux. Ma per fare ciò bisogna perdere tempo a formattare e partizionare l’hard disk con il rischio di rendere infine instabile il sistema già installato. Per evitare tutto questo possiamo usare dei programmi per la virtualizzazione, ovvero programmi in grado di creare una versione virtuale di un sistema operativo all’interno di una finestrella del sistema operativo del nostro computer. Uno di questi programmi è VMware Workstation, programma a pagamento ma veramente ricco di funzioni. Scaricabile dal sito :www.vmware.com. in versione trial della durata di 30 giorni.

Vediamo un’ po la procedura d’installazione passo passo di VMware:

1° Dopo aver cliccato sul file d’installazione eccoci difronte alla schermata iniziale di benvenuto nell’installazione.

VMware Workstation 6 (1)

2° Dopodiché dovremo cliccare su “Next” per proseguire e spuntare nella finestra successiva “Tipical” per scegliere l’installazione tipica, continuando però a cliccare su “Next”.

VMware Workstation 6 (2)

3° Nella finestra successiva ci verrà indicata la cartella di destinazione della nostra installazione, che potremmo anche cambiare cliccando su “Change” e proseguire poi cliccando ancora su “Next”.

VMware Workstation 6 (3)

4° In quest’altra finestra ci viene chiesto se vogliamo avere delle scorciatoie per l’avvio di VMware, come la creazione di un’icona sul desktop o altro ancora. Dopodiché bisogna cliccare di nuovo su “Next”.

VMware Workstation 6 (4)

5° In questa finestra si arriva finalmente all’installazione.

VMware Workstation 6 (5)

VMware Workstation 6 (6)

6° Una volta che il programma ha finito di copiare i files d’installazione, sullo schermo uscirà la finestra “Registration Information” ovvero la finestra di registrazione dove dovremmo indicare le nostre informazioni personali, ma essendo una versione trial clicchiamo su “Skip” per effettuare tutto ciò in un secondo momento e finiamo così per cliccare su “Enter”.

VMware Workstation 6 (7)

7° E completare così cliccando su “Finish”.

VMware Workstation 6 (8)

8° Al termine dell’installazione vi verrà chiesto di riavviare il sistema.

VMware Workstation 6 (9)

9° Sul desktop avremo al riavvio un’icona così.

VMware Workstation 6 (10)

10° Al primo avvio del programma avremo questa finestra nella quale dovremmo accettare la licenza d’uso per proseguire nell’utilizzo del programma.

VMware Workstation 6 (11)

11° Fatto questo si avvierà finalmente VMware con un’altra piccola finestra al suo interno che ci darà dei suggerimenti ad ogni avvio.

VMware Workstation 6 (12)

VMware Workstation 6 (13)

12° Questa invece è l’interfaccia di VMware.

VMware Workstation 6 (14)

13° Qui non ci rimane altro che cliccare su “New Virtual Machine” per la creazione della nostra macchina virtuale e su “Avanti” per proseguire.

VMware Workstation 6 (15)

14° In questa finestra cliccate su “Tipical” per impostare i parametri tipici di configurazione e cliccate su “Avanti”.

VMware Workstation 6 (16)

15° Ora dobbiamo invece scegliere il sistema operativo da installare. Fatto questo si clicca ancora su “Avanti”.

VMware Workstation 6 (17)

16° In questo caso la nostra scelta è andata su Mandriva Linux e si prosegue cliccando su “Avanti”.

VMware Workstation 6 (18)

17° Nella cartella successiva si deve scegliere il nome della macchina virtuale e la cartella di destinazione. Dopodiché si clicca su “Avanti”.

VMware Workstation 6 (19)

18° Nella schermata “Network Type” scegliamo “Use network address translation (NAT)” per utilizzare la connessione di rete già esistente sul nostro computer. E clicchiamo su “Avanti”.

VMware Workstation 6 (20)

19° Nella finestra “Specify Disk Capacity” dobbiamo specificare lo spazio in GB del nostro hard disk da destinare alla nostra macchina virtuale, in questo caso 15 GB. Finendo per cliccare su “Fine”.

VMware Workstation 6 (21)

20° Alla fine della nostra configurazione avremo questa schermata.

VMware Workstation 6 (22)

21° Dove possiamo cambiare alcune impostazioni, come l’avvio del CD, infatti cliccando su CD-ROM (IDE 1:0) invece di usare l’avvio automatico possiamo scegliere se usare l’avvio dal file immagine ISO o la periferica drive di avvio del nostro computer. In questo caso ho scelto di specificare la periferica drive del CD d’installazione, ovvero “E”.

VMware Workstation 6 (23)

22° Possiamo anche dare più RAM alla nostra macchina virtuale. Infatti cliccando su “Memory” possiamo aumentare la RAM, in questo caso fino a 608 MB.

VMware Workstation 6 (24)

Il risultato finale sarà questo.

VMware Workstation 6 (25)

Dove basterà cliccare su “Start this virtual machine” per iniziare l’installazione del nostro nuovo sistema operativo virtuale. Ora però ci verrà richiesto di registrare la copia di VMware Workstation per poterla utilizzare nei 30 giorni di prova visto che all’inizio dell’installazione abbiamo rimandato. E in questa nuova schermata che compare
bisogna cliccare su “Get Serial Number” per poterci collegare al sito www.vmware.com dove cliccando nella pagina “Evaluate VmwareWorkstation” su Register for your free 30-day evaluation license dovremo compilare i vari campi vuoti per poter ottenere nella nostra email il numero seriale da utilizzare per la registrazione.

Dopodiché, effettuata questa registrazione basterà cliccare di nuovo su “Start this virtual machine” e il nostro sistema virtuale partirà.

P.S. Per uscire dal sistema virtuale (guest) e tornare al sistema operativo del computer (host) bisogna cliccare su Ctrl e Alt.


Articoli correlati per categorie




 Abbonati gratis a questo blog      

1 commenti

  1. the best // 26 gennaio 2008 09:15  

    buongiorno>>>>>
    carissimi astrix&team
    dovrei farvi i miei complimenti per i tanti argomenti che ogni giorno vengono pubblicati sul vostro blog fantastico.........
    oramai per me stà diventando la pagina principale,(la bibbia del informazione) che appena mi collego a internet non posso fare a meno di visitarla....
    continuate cosi......
    grazie
    grazie
    grazie

Posta un commento